Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Salih Muslim: non accettiamo una “safe zone” in cui vi farà parte la Turchia

Salih Muslim: non accettiamo una “safe zone” in cui vi farà parte la Turchia

21 gennaio 2019


Salih Muslim ha affermato che la Turchia in Siria pensa solo alle invasioni e ai massacri ed è per questo che usano il concetto di “safe zone”, sottolineando che non appoggeranno alcun progetto in cui sia coinvolta la Turchia.   Salih Muslim, funzionario delle relazioni estere del PYD (Partito dell’Unione Democratica), ha sottolineato che una “safe zone” da costituire sotto  tutela della Turchia, o anche una “in cui la Turchia ne farà parte”, non sarà da loro accettata da loro circostanza. Muslem ha dichiarato di accettare l’ONU o un’altra forza internazionale che assuma posizione nella zona.

Muslim ha parlato con il giornale Yeni Ozgur Politika e ha affermato: “Il concetto di safe zone è stato lanciato in un tweet da Trump, ma la Turchia dichiara che la safe zone sarà sotto la loro tutela, verrà istallata, faranno questo o quello . Naturalmente queste sono tutte bugie. Nessuno accetta un’iniziativa del genere dalla Turchia. È chiaro anche cosa la Turchia vuole fare dall’inizio nella vicenda nella siriana. La Turchia controllerà la regione attraverso attacchi di invasione e cambierà la struttura demografica. Sistemeranno le persone che vogliono nelle aree che invadono. Distruggeranno i curdi. E mentre lo fanno, diranno che sistemeranno i 3 milioni di rifugiati che hanno lì. Vogliono fare queste cose sulla terra di qualcun altro, con i soldi di qualcun altro. Nessuno cederà mai , nessuno lo accetterà mai. “

Criteri per la safe zone

Salih Muslim ha affermato che gli Stati Uniti non hanno comunicato loro nulla riguardo a questa “safe zone” e non hanno alcuna informazione sui particolari, aggiungendo che i funzionari militari statunitensi che hanno visitato la Turchia potrebbero aver discusso la questione nelle loro riunioni.

Sull’approccio degli altri paesi alla zona di sicurezza, il musulmano ha detto: “Il regime siriano ha annunciato che non accetteranno un’invasione turca quando l’idea della zona di sicurezza è stata sollevata per la prima volta. Non sappiamo cosa la Russia, i paesi arabi e l’Iran pensano chiaramente perché questa è una nuova idea. Quando chiediamo di nuovo agli americani, dicono che non lo sanno. Ma se la zona sicura deve essere implementata, tutte le parti devono acconsentire ad essa. Non funzionerebbe in nessun altro modo. “

Muslim ha parlato anche delle sue opinioni sulla zona di sicurezza: “Vorremmo una safe zone per il nostro popolo, ma non in questo modo. Una safe zone non può essere sotto la tutela della Turchia. In effetti, ovunque la Turchia abbia qualche coinvolgimento non può essere sicuro. La Turchia rovinerà tutto ciò in cui sono coinvolti. Attueranno costantemente cospirazioni. Non accettiamo in alcun modo alcuna “safe zone” che la Turchia attuerà o in cui parteciperà. La Turchia non può prendere parte a tale iniziativa perché ha propri piani e progetti. La Turchia ha piani per il l “patto nazionale” e prevede di distruggere i curdi. Lo hanno dimostrato chiaramente ad Afrin. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite potrebbe istituire punti di osservazione, un’altra potenza internazionale potrebbe assumere delle posizioni. Tutti sanno di tali meccanismi. Ma nel modo in cui vi pensiamo, la questione è una questione internazionale. Qualsiasi decisione esca dal Consiglio di sicurezza deve essere accettata assolutamente da tutti. Come sarà accettatà, come può esserlo non lo sappiamo. D’altra parte, dire ” le YPG non possono essere li”, “questo e quello non può essere lì” è orientato a lasciare il nostro popolo senza nessuno che lo difenda.

Il popolo ha un sistema di difesa in Siria: le forze democratiche siriane (SDF), che la Turchia chiama “terroristi”. Vogliono lasciare la nostra gente indifesa. Se un popolo rimane senza difese, chiunque farà ciò che vuole di loro. L’SDF è il sistema di difesa congiunta dei popoli siriani, dei curdi, degli arabi e dei siriaci “. ‘

Sull’approccio degli altri paesi alla safe zone, Salih Muslim ha affermato: “Il regime siriano ha annunciato, quando l’idea della safe zone è stata proposta per la prima, volta che non accetteranno un’invasione turca. Non sappiamo cosa la Russia, i paesi arabi e l’Iran pensino chiaramente perché questa è una nuova idea. Quando lo chiediamo di nuovo agli americani, dicono che non lo sanno. Ma se la safe zone deve essere implementata, tutte le parti devono acconsentire ad essa. Non funzionerebbe in nessun altro modo. “

Erdogan in equilibrio sulla corda tra Usa e Russia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che il 23 gennaio incontrerà il presidente russo Vladimir Putin e il presidente iraniano Hasan Rouhani il 23. Il resposabile per le relazioni esterne del PYD Saleh Moslem ha parlato della visita e ha dichiarato: “Erdogan andrà a chiedere aiuto a Putin”. Moslem prosegue : “Erdogan andrà da Putin il 23. Questo problema sarà discusso in quella riunione. Penso che stia andando in cerca di aiuto. Erdogan si sta equilibrando su una corda tra Russia e America, mentre la Russia sta cercando di proteggere il regime siriano. Come la Siria, non penso che in questo incontro i russ accetteranno le richieste della Turchia. Sarebbe inaccettabile permettere a un paese straniero di invadere le terre di un paese vicino che si pretende di proteggere. Non possiamo commentare i dettagli del come, ma crediamo che la Russia non accetterà questo. Per dire qualcosa sugli americani,I funzionari degli Stati Uniti sanno che non accetteremo nulla con alcun coinvolgimento turco.

I popoli si difenderanno

Salih Muslim ha anche sottolineato che la Turchia potrebbe tentare ancora un attacco che creerà un caos totale, nonostante tutte le obiezioni: “Ecco perché i curdi, gli arabi e gli altri popoli si difenderanno. Si sono preparati a questo. I popoli hanno adottato le proprie precauzioni. Se la Turchia ci attacca nella nostra stessa casa, il nostro dovere sarà quello di resistere. Non abbiamo altra soluzione. Resisteremo tutti insieme. I popoli stanno anche dando questo messaggio nelle loro manifestazioni con le tende lungo il confine. Arabi, curdi, siriaci, nessuno vuole la Turchia. Da Tabqa a Raqqa, nessuno approva le invasioni della Turchia. “

Alla domanda: “Se si verifica un’invasione come vuole la Turchia, che effetto avrà sul risveglio di ISIS?”

Muslim ha dicharato: “Tutti conoscono le relazioni della Turchia con ISIS. Se la Turchia tenta un attacco di invasione, una delle loro motivazioni sarà quella di liberare i prigionieri di ISIS. Potrebbero porre i membri dell’ISIS sotto la loro protezione per motivi di “sicurezza”. Oltre a ciò, le unità che combattono contro l’ISIS dovranno ritirarsi da quelle zone e ciò comporterà che  ISIS si rafforzerà e si organizzerà nuovamente. Un attacco di invasione da parte della Turchia darebbe all’ISIS un’opportunità di riqualificazione. Prima della decisione di Trump, lo stato turco e le loro bande stavano già emettendo minacce quotidiane. Hanno detto che sarebbero entrati nelle aree, a “seppellire le persone nelle fosse” e a uccidere i curdi. Tutto questo servirebbe a ISIS, ed essi hanno radunato le loro bande ad Idlib e in altre zone per collocarl ad Afrin Quindi, come sono diversi da ISIS? La Turchia li usa già a Idlib,  ad Afrin e a Shehba. Proprio adesso, Le forze democratiche siriane si  trovano in una guerra estremamente dura con ISIS. I turchi potrebbero attaccare per dare all’ISIS il respiro di cui ha bisogno “.

Contro la minaccia della Turchia lavoriamo con chiunque

Il responsabile per le relazioni esterne del PYD Salih Muslim ha affermatoche la Turchia prevede di invadere la linea va da Aleppo,a Afrin,  Shehba a Mosul e Kirkuk sulla base del Patto nazionale (“Misak-i Milli”): “Lo fanno attraverso il sostegno alle organizzazioni terroristiche, e attraverso minacce e ricatti. Ma se riusciranno o meno dipende interamente dalla nostra resistenza. Resistiamo. Le forze internazionali ne sono consapevoli. Conoscono anche la relazione tra questi terroristi e la Turchia. Credo che non sarà così facile per loro ingoiare ciò che la Turchia vuole fare. “

Muslim ha concluso dicendo: “Ora forse non sono molto rigorosi o ignorano le cose per i propri interessi, ma la Turchia è pericolosa per il mondo intero, non solo per noi. Coloro che portano avanti gli attacchi terroristici in Europa sono di nuovo gruppi collegati alla Turchia. Se la Turchia avrà una possibilità con questa “safe zone”, le loro minacce e l’uso di questi terroristi per gli attacchi potrebbero entrare in una nuova fase. Questo è ciò che stiamo cercando di prevenire. Se veniamo attaccati a casa nostra, non avremmo altra scelta se non quella di difenderci. Le potenze internazionali dovrebbero mettere da parte i loro interessi economici e pensare al futuro dei popoli, al futuro del Medio Oriente e al futuro dell’Europa. E per questo, devono dire alla Turchia di fermarsi. Possiamo lavorare insieme in questo. Se gli americani non ci sono, possiamo lavorare con gli altri “.

 

ANF


Inserisci un commento