Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 16 gennaio 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Fuga da Aleppo passando per Efrîn fino a Şehba

Fuga da Aleppo passando per Efrîn fino a Şehba

26 dicembre 2018


Quando attaccarono milizie filo-turche, Foza Reşo ritornò nel suo villaggio natio a Efrîn. Poi arrivarono le truppe di occupazione. Otto mesi dopo la 56enne è riuscita a fuggire a Şehba. Foza Reşo ha vissuto a Efrîn per otto mesi sotto occupazione turco-juhiadista. Solo ora è riuscita a fuggire a Şehba. All’agenzia stampa ANHA ha raccontato quello che ha vissuto.

Per 35 anni Foza ha vissuto con la sua famiglia ad Aleppo. Quando milizie filo-turche attaccarono il suo quartiere Şêxmeqsûd, la sua casa venne distrutta. „Gli attacchi furono terribili, missili potevano colpire ovunque in qualsiasi momento. Ci sono state molte vittime. Quando mia nuora è rimasta ferita in un attacco, abbiamo lasciato il quartiere“, racconta.

La famiglia tornò nel suo villaggio di origine a Şêx Bilo a Efrîn. Lì conduceva una vita tranquilla. Quando morì il marito di Foza, fu lei stessa a occuparsi dell’uliveto e in questo modo riusciva a dare da mangiare alla sua famiglia. Ma poi nel gennaio di quest’anno iniziò l’invasione militare turca. Il villaggio fu attaccato, per questo Foza con i suoi figli andò in città. Quando Efrîn fu evacuata per via dell’imminente occupazione da parte dell’esercito turco, Foza non trovò una macchina. Ritornò nel suo villaggio e dovette constatare che tutti i suoi averi erano stati saccheggiati.

Due giorni dopo soldati turchi accompagnati da jihadisti assaltarono di nuovo la sua casa e portarono via i due figli di Foza. Per due mesi Foza cerò suoi figli rapiti. Alla fine gli jihadisti le fecero avere il messaggio che i suoi figli sarebbero stati liberati in cambio di un riscatto di 250.000 Lire siriane. Foza non aveva così tanti soldi. Alla fine gli occupanti si lasciarono convincere a lasciar andare i figli per 150.000 Lire siriane. Al loro rilascio erano segnato dai mesi di torture.

Foza dice che questo succede a tutte le persone che sono rimaste a Efrîn. „Gli jihadisti sequestrano le persone e chiedono un riscatto. Il nostro villaggio era come un carcere a cielo aperto. Costantemente venivano portati via giovani uomini, molti di loro sono semplicemente spariti.“

Foza alla fine progettò di fuggire Efrîn usando i proventi del raccolta delle olive. „L’intero raccolto era dentro casa quando gli jihadisti sono arrivati ancora una volta. Hanno preso tutto, ero sola in casa e non mi potevo difendere.“

I soldi per la fuga Foza li ha avuti da parenti. È arrivata a Şehba. „Ci sono ancora molte famiglie a Efrîn che non hanno abbastanza soldi per riscattarsi e lasciare le zone occupate“, dice Foza.

 

ANF


Inserisci un commento