Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Una guerra per le elezioni amministrative

Una guerra per le elezioni amministrative

19 dicembre 2018


Il giornalista Fehim Taştekin sui retroscena dell’incombente intervento turco in Siria del nord e la politica degli USA in Medio Oriente. L’intenzione della Turchia di marciare sui territori del nord della Siria a est dell’Eufrate, negli ultimi mesi ha assunto forme sempre più concrete. Dalla minaccia di Erdogan poco prima dell’Operazione-Afrin nel gennaio 2018, che sarebbero entrati ‚una notte senza preavviso‘, passando per la dichiarazione di alcune settimane fa che i preparativi per un’operazione sarebbero conclusi, fino alle dichiarazioni di Erdogan qualche giorno fa: „Tra alcuni giorni inizieremo l’operazione.“ La situazione militare nella regione e i grandi rischi che accompagnano un ingresso nella Siria del nord rendono molto chiara una cosa: senza accordo degli USA, che attualmente ancora combattono con le YPG contro Stato Islamico (IS), un ingresso turco in Siria del nord è impossibile. Fin qui per una valutazione oggettiva della situazione. Ma non ci troviamo in tempi nei quali si giudica e si decide in modo oggettivo. Nell’opinione pubblica turca attualmente viene proclamato: ‚Proprio come siamo entrati a Cerablus e Afrin interverremo anche a est dell’Eufrate.‘

Quando truppe turche nell’agosto 2016 entrarono nella regione di Cerablus, Çobanbey e El Bab in Siria del nord per bloccare alle YPG la strada tra Kobane e Afrin gli USA non fecero alcun tipo di obiezione. Anche la Russia all’epoca diede il via libera. Nel quadro dei negoziati di Astana si era formata un’alleanza tra Russia e Turchia che spinse la Russia a un’approvazione dell’Operazione-Afrin. L’intervento turco ad Afrin venne reso possibile da una circostanza molto semplice: l’apertura dello spazio aereo da parte della Russia. Gli USA proclamarono di sentirsi responsabili solo per le regioni che insieme alle forze curde erano state liberate da IS. Con questo gli USA rifiutarono una posizione chiara contro gli attacchi turchi ad Afrin.

Pressione costante attraverso minacce costanti

Da diverso tempo Erdogan compie passi per aumentare la pressione sugli USA. La pressione crescente serve ad entrambe le parti. Le tensioni sono il capitale più grande dell’epoca attuale. Determinanti per le intenzioni della Turchia di marciare su un Paese vicino, sono la dinamica di politica interna del Paese e il tentativo dei potentati di rafforzare la propria posizione. L’opposizione in Turchia, analogamente a quanto avvenuto durante l’intervento ad Afrin all’inizio dell’anno si schiererà dietro alla ‚questione nazionale‘ e sosterrà l’attacco contro l’amministrazione autonoma in Siria del nord. Questa era stata costruita sotto la guida dei curdi negli ultimi anni. Anche l’agenda politica dei prossimi mesi in Turchia probabilmente sarà dominata dalle minacce di guerra turche contro la Siria del nord. Con l’aiuto di un clima di stato di emergenza e della propaganda nazionalista, i potenti in Turchia intendono decidere a loro favore le elezioni amministrative del marzo 2019. Questo attualmente è il loro obiettivo più importante. Dal 2015 le elezioni in Turchia sfortunatamente vengono ormai decise solo attraverso la guerra e la polvere da sparo.

A questo si aggiunge che la Turchia, in particolare rispetto agli USA. si trova in una posizione negoziale promettente e da ultimo è riuscita ad aumentare il suo margine di manovra. Questo le è riuscito forzando l’acquisto del sistema antiaereo russo S-400 e con l’aiuto della banca statale Halkbank con il quale ha aggirato le sanzioni contro l’Iran, o meglio lo fa fino ad oggi. Erdogan inoltre riesce a mettere gli USA davanti alla scelta tra ‚un partner della NATO o un’organizzazione terroristica’ e a costringerli a una decisione. Gli USA reagiscono a questo con una politica di imbonimento. L’accordo tra gli USA e la Turchia di eseguire pattugliamenti congiunti a Minbic nel nord della Siria, è parte di questa politica di imbonimento degli USA. Erdogan in questa situazione cerca di trarre profitto dalla dichiarazione Trump che IS verrebbe battuto del tutto entro i prossimi 30 giorni. Vuole impegnare gli USA a mettere fine alla loro relazione con le YPG appena sarà conclusa la lotta contro IS.

È difficile dedurre dalle ultime parole di Trump che gli USA sarebbero intenzionati a ritirarsi dalla Siria. Con la loro presenza militare in Siria, gli USA perseguono tre obiettivi: lotta contro IS, ricacciare indietro l’Iran nella regione e avere influenza politica sul processo di transizione politica in Siria. Si tratta quindi anche di piani a lungo termine. Il capo di stato maggiore USA Joseph Dunford il 6 dicembre ha parlato del fatto che in Siria verrebbe addestrata un’unità militare di 40.000 persone. Finora sarebbe stato raggiunto solo 20% del programma di addestramento. Già a gennaio di quest’anno, e quindi poco prima dell’ingresso turco ad Afrin, gli USA avevano dichiarato che avrebbero addestrato sul posto un esercito di 30.000 membri.

Un’operazione militare limitata?

Erdogan ora è arrivato al punto di indicare praticamente una data per l’imminente intervento in Siria del nord. Ora gli USA secondo la loro politica imbonimento daranno un via libera per un’operazione limitata nello spazio? Nessuno può dire in via definitiva se si arriverà o no a tanto. Fonti curde con le quali sono riuscito a parlare, hanno espresso tutta la loro preoccupazione. Partono dall’idea di un’operazione militare limitata. Nel caso di un intervento limitato, sono da prendere in considerazione piuttosto territori abitati da una maggioranza di popolazione araba o caratterizzati in parti uguali da arabi e curdi. Città come Kobane, considerate ‚fortezze curde‘, appaiono obiettivi improbabili. Le regioni intorno alle città di Tel Ebyad (Girê Spî) e Ras el Ayn (Serekaniye) sarebbero quindi probabili punti di attacco. Nel corso dei mesi passati, nei media turchi si è riferito ripetutamente di piani di attacco in questi territori. Erdogan ha ancora un conto aperto con entrambe le città.

Nella città di Serekaniye le YPG tra il luglio 2012 e il febbraio 2013 sono riuscite a respingere diversi attacchi di gruppi islamisti che sotto le insegne dell’ ‚Esercito Siriano Libero‘ cercavano di entrare partendo dalla Turchia. Tel Ebyad era sulla linea di approvvigionamento principale grazie alla quale IS negli anni 2014 e 2015 veniva rifornito dalla Turchia. Dopo che le YPG insieme ai loro partner arabi ebbero liberato la città nell’estate del 2015, Erdogan sostenne che lì sarebbero in corso pulizie etniche contro la popolazione araba e turkmena. Se negli scorsi mesi si parlava in Turchia di un possibile intervento in Siria del nord, veniva costantemente messa in evidenza l’identità araba di queste due città. A questo si aggiungono i piani turchi di inviare nelle due regioni una parte dei profughi che attualmente vivono in Turchia. Dietro a questo c’è l’intenzione di minimizzare con l’insediamento di popolazione araba lungo il confine turco-siriano la quota di popolazione curda percepita come una minaccia.

Cosa faranno gli USA?

Se ci sarà o meno il via libera per un intervento, nel momento attuale non è univocamente prevedibile. Il capo dei servizi segreti turchi MIT, Hakan Fidan, la settimana scorsa è volato a Washington per colloqui. Anche l’inviato speciale degli USA per la Siria, James Jeffrey, il 7 dicembre si è recato ad Ankara. Senza dubbio i territori a est dell’Eufrate sono stati il tema dominante dei colloqui. Jeffrey dopo una visita in un campo di addestramento militare a Gaziantep ha proseguito verso la Siria. Se l’atteggiamento degli USA sia cambiato nel corso di questi colloqui non lo sappiamo. Tuttavia sono note diverse cose sulla posizione statunitense: che gli USA in condizioni normali sono contrari a un intervento turco nel nord della Siria lo hanno dimostrato quando diverse settimane fa hanno costruito dodici postazioni di osservazione lungo il confine turco-siriano. Con questo hanno reagito agli attacchi della Turchia a Tel Ebyad, Kobane e Zor Muğar nel novembre di quest’anno. Gli USA hanno inoltre dichiarato che gli attacchi turchi danneggiano la lotta contro IS nella regione nord-siriana di Deir ez-Zor. Con questo hanno reso chiaro che la Turchia in futuro potrebbe essere ritenuta responsabile di un nuovo rafforzamento di IS. La presenza miliare USA in Siria è anche in collegamento diretto con l’obiettivo di ricacciare indietro l’influenza iraniana nella regione. Se dovesse mancare il successo della politica USA ostile all’Iran, gli USA potrebbero farne pagare il conto alla Turchia.

In passato si era già arrivati a situazioni di tensione simili tra Turchia e USA. Come reazione agli attacchi aerei turchi contro il media-center delle YPG a Karaçok nel nord della Siria l’anno scorso, gli USA nell’ambito di pattugliamenti di confine lungo il confine turco-siriano avevano esibito apertamente la bandiera. Ma non si arrivò a cambiamenti profondi nelle relazioni degli USA con la Turchia. Ma a differenza degli attacchi di allora, nel caso attuale si tratta di un’offensiva via terra. Come reazione agli ultimi attacchi turchi contro il nord della Siria, gli USA hanno dichiarato che la costruzione di postazioni di osservazione lungo il confine turco-siriano sarebbe conclusa. Con questo alla fine dei conti hanno ripetuto prese di posizione che avevano già avuto in passato.

Fonti curde mi hanno riferito che postazioni già esistenti lungo il confine sarebbero state trasformate in posti di osservazione nei quali oltre a soldati statunitensi e francesi, si trovano anche soldati delle YPG. Nell’amministrazione Trump dominano le voci che si spendono per una prosecuzione della collaborazione con le YPG nell’ambito della politica USA sulla Siria. Ora restano aperte alcune domande alle quali urge una risposta: Trump si posizionerà in modo contrario al Pentagono e prenderà decisioni in favore della Turchia? La Turchia oserà un’operazione di terra anche senza l’accordo degli USA e nonostante la presenza di soldati statunitensi e francesi? Un Paese come la Turchia, che è già stato spinto sull’orlo di un collasso finanziario per una lite su un pastore statunitense, è pronto a rischiare un nuovo scontro più serio con gli USA? Oppure dietro alle minacce contro i territori a est dell’Eufrate c’è l’intenzione di inglobare Minbic? Gli USA daranno a Erdogan la possibilità di vendere all’opinione pubblica turca attraverso la presa di Minbic un secondo ‚successo-Afrin‘ per impedire un’operazione a est dell’Eufrate? Quale sarà la direzione nella quale alla fine evolveranno le cose, allo stato attuale è difficile da valutare. Nonostante la grave minaccia di una nuova guerra è incredibilmente difficile prevedere i prossimi sviluppi. Non è possibile dire se la popolazione truca con il motto ‚colpiremo una notte senza preavviso‘ verrà di precipitata in una nuova avventura.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente il 13.12.2018 con il titolo Fırat seferine ayarlı sandıklar!” sulla homepage del portale di notizie Gazete Duvar.

 


Inserisci un commento