Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 24 aprile 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Nuova fase nel piano di invasione del Kurdistan del sud

Nuova fase nel piano di invasione del Kurdistan del sud

16 dicembre 2018


Il governo turco a guida AKP-MHP sta incoraggiando insediamenti a Kirkuk e una situazione di scontri multipli nella nuova fase del piano per invadere il Kurdistan Bashur. La Turchia a guida AKP-MHP vuole portare in una nuova fase il suo piano di invasione in Iraq Kurdistan Bashur che ha avviato molto prima della Siria attraverso una partnership strategica con il KDP.

Il 12 maggio si sono svolte elezioni in Iraq. Il Presidente è stato eletto il 2 ottobre e ha incaricato Adil Abdulmehdi della formazione del nuovo governo. Abdulmehdi ha annunciato il gabinetto di governo il 25 ottobre ed è andato al voto di fiducia. Il Parlamento ha approvato 14 ministri, ma su 8 ha messo il veto. Il Parlamento si sarebbe dovuto riunire tre settimane fa per votare i nuovi 8 ministri, ma non lo ha fatto. Il Parlamento si è riunito ai primi di dicembre, ma c’è stato un blackout rispetto al fatto se il voto si sia svolto e quale ne sia stato l’esito. C’è stata una crisi rispetto ai ministri degli interni e della giustizia.

L’origine della crisi e gli attori che vi svolgono un ruolo

Muqtada Al Sadr, leader della coalizione Sairun che è arrivata prima alle elezioni, ha detto che non parteciperà al nuovo governo e ha annunciato i loro criteri per la forma e il sostegno. Ha posto come requisito che alcuni ministeri fondamentali siano scelti tra tecnocrati invece che nei partiti. Quando è stato nominato per il Ministero degli Interni Faleh Fayyaz della [la coalizione] Stato di Diritto di Nuri Maliki’, fondatore e ufficiale di Hashd al-Shaabi, rimosso dall’incarico da Abadi, Sadr si è opposto. Sadr ha ricordato ad Abdulmehdi le condizioni per il loro sostegno e annunciato che lo avrebbero ritirato. La prima reazione a Sadr è arrivata dal Presidente della coalizione Stato di Diritto Maliki, che ha detto: “Non permetteremo che vengano sostituiti Faleh Fayyaz e altri candidati.” L’approccio di Hadi Amiri e di Nuri Maliki, nonostante lo schema di Sadr fosse noto fin dall’inizio, si è visto che non volevano che si formasse alcun governo in grado di sopravvivere a meno che non fosse formato da loro. Si dice anche che la crisi sia una prodotto delle tensioni tra Iran, USA e Arabia Saudita.

Il coinvolgimento di Barzani

Un altro aspetto è che questa situazione è iniziata dopo la visita di Barzani a Baghdad il 22 novembre. Alcuni sono convinti che Masoud Barzani abbia si sia accordato con Hadi Amiri e Nuri Maliki per Ministero degli Interni. È il PUK che ritiene questo un dato di fatto. Affermano questo: Barzani, Maliki e Amiri hanno fatto pressioni su Abdulmehdi e hano raggiunto un accordo in cambio del fatto di non dare il Ministero della Giustizia al PUK come invece era previsto. Il Ministero della Giustizia in effetti non è andato al PUK e hanno annunciato che non avranno il ministero, ritireranno i loro deputati dal Parlamento iracheno.

A rischio di fallimento prima di essere completato

Questa doppia crisi ha lasciato il governo di Abdulmehdi non ancora completato dopo soli due mesi di fronte a un fallimento. Il PUK ha inviato un comitato a Baghdad per superare la crisi. Il comitato ha avuto alcuni incontri ma il risultato non è stato reso noto al pubblico. Il KDP sta mandando un comitato a Baghdad per disfare un possibile accordo con il PUK.

Altri titoli per Barzani

L’unica ragione della visita di Masoud Barzani a Baghdad e l’unica cosa che ha ottenuto non è stata di impedire al PUK di prendere il Ministero della Giustizia. Barzani ha cercato di mostrare che il fatto che Behram Salih sia diventato Presidente nonostante la loro obiezione, non cambia il fatto che sono un interlocutore e l’autorità nel Kurdistan Federale, voleva rendere ufficiale a Baghdad l’accordo raggiunto tra la Turchia e (alcune fazioni nel) KDP rispetto a Kirkuk attraverso un incontro con Ershad Salihi.

Incoraggiare il conflitto tra PKK e PUK

Oltre agli straordinari a Baghdad, il KDP ha fatto anche una mossa fraudolenta nel Kurdistan Federale. Il Governo Federale ha emesso un ordine di chiudere Tevgera Azadî attraverso il Ministero degli Interni, ma ha fatto in modo che fosse il vice Primo Ministro Qubat Talabani del PUK a promulgare la decisione. Con questo miravano a,

– mettere gli uni contro gli altri il PUK e il Movimento di Liberazione Curdo

– tentare di coinvolgere il PUK nella collaborazione con la Turchia

– fare in modo che il PUK mettesse attuasse la decisione nonostante lo status ufficiale in Iraq, creando in questo modo questioni tra Baghdad e il PUK.

– Mettere Qubat Talabani in una posizione difficile nei confronti di Baghdad e fomentare il disaccordo all’interno del PUK.

Prendersi l’amministrazione come famiglia

Mentre il PUK era impegnato con queste questioni, il KDP ha prontamente completato i suoi round e parcellizzato l’amministrazione del Kurdistan Federale. La Presidenza, il Primo Ministro e il sottosegretario alla Sicurezza Nazionale sono andati ai Barzani. Il sta obiettando PUK contro questo esisto e l’opinione prevalente è che l’insistenza del KDP porterà di nuovo a un’amministrazione duale nel Bashur.

La Turchia non è contenta

Lo Stato turco è contento che il KDP stia usando tutto il suo impegno e vuole partecipare anche lei. Stanno lavorando attivamente per mettere il KDP e il PUK contro il PKK e allontanare il PUK da Baghdad. Il PUK ha fatto un calcolo a breve termine sbagliato, sembra di essersi accordo di questo piano, ma non è chiaro se compieranno passi per sfatarlo.

Il piano della Turchia è sporco, gli sforzi sono intensi, ma l’esito sarà determinato dall’acume politico dei curdi, del KDP e del PUK in particolare, e dalla volontà di rifiutare l’influenza dei colonialisti.

 

ANF


Tags

Inserisci un commento