Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 12 dicembre 2018

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

KCK: La ricerca lanciata dagli USA è parte del complotto

KCK: La ricerca lanciata dagli USA è parte del complotto

10 novembre 2018


Gli USA offrono diversi milioni di dollari per notizie sui luoghi di soggiorno di tre quadri dirigenti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan PKK. Sono stati emessi corrispondenti mandati di cattura contro il co-Presidente del Consiglio Esecutivo della KCK Cemil Bayık e di due membri del Comitato Esecutivo del PKK Duran Kalkan e Murat Karayılan, ha dichiarato il rappresentante Ministero degli Esteri USA, Matthew Palmer, martedì dopo una visita ad Ankara.

La co-Presidenza del Consiglio Esecutivo della KCK ha criticato questa indagine come „parte del complotto contro il Presidente Apo“ e ha invitato la popolazione e le forze democratiche, „a mobilitarsi immediatamente contro questo attacco. La posizione contro questo attacco si deve unire alla lotta per la libertà del Presidente Apo [Abdullah Öcalan] e contro il complotto. In questo senso i curdi devono portare avanti la loro lotta i tutti i luoghi in cui si trovano insieme alle forze democratiche nel modo più ampio e diffuso.“

Nella dichiarazione scritta della co-Presidenza del Consiglio Esecutivo della KCK si afferma:

„Gli USA su una base infondata hanno emesso un mandato di cattura contro alcuni fondatori del PKK e quadri dirigenti del Movimento di Liberazione Curdo, contro i nostri compagni Cemil Bayık, Duran Kalkan e Murat Karayılan, che ricoprono posizioni nella direzione di PKK, KCK e HPG e promesso premi per coloro che li segnalano. Questo atteggiamento ostile nei confronti del nostro movimento di liberazione è privo di qualsiasi fondamento in senso politico, sociale o morale. Si tratta di una decisione presa interamente sulla base di interessi politici e ideologici. Questa può nascere solo da un atteggiamento ostile e, nelle persone dei nostri compagni, si rivolge non solo contro PKK, KCK e HPG, ma rappresenta un attacco contro l’intero popolo curdo che lotta per la libertà e la democrazia.

Questa decisione è la continuazione del complotto

Senza dubbio gli Stati che eseguono il genocidio nei confronti del popolo curdo, le forze regionali e retrograde e i loro sostenitori internazionali, fin dall’inizio si sono poste in modo ostile nei confronti del Presidente Apo e del movimento curdo guidato dal PKK e li vogliono annientare. Gli obiettivi perseguiti dall’attuale attacco somigliano a quello contro il Presidente Apo iniziato il 9 ottobre 1998 e che il 15 febbraio 1999 ha portato alla sua carcerazione nella galera di Imralı. La decisione priva di sostanza degli USA ha la qualità della prosecuzione di una parte del complotto internazionale contro il Presidente Apo. Anche il fatto che il complotto del 1999 sia stato in larga misura sventato dalla forza mentale del Presidente Apo e dalla nostra lotta di liberazione guidata dal PKK, e che la lotta di liberazione del popolo curdo abbia raggiunto un livello al quale influenza profondamente la politica del Medio Oriente, è direttamente collegato a questa decisione degli USA.

D’altronde la lotta di liberazione del popolo curdo non influenza solo la lotta di liberazione dei popoli del Medio Oriente, ma ha aperto a tutti i popoli del mondo un nuovo terreno e un nuovo orizzonte per la lotta per la libertà e la democrazia. La concezione della nazione democratica e dell’autogoverno democratico-confederale della società come alternativa allo Stato, è diventata in tutto il mondo un’alternativa per la soluzione dei problemi politici, sociali ed economici. Sia i sindacati in Inghilterra, considerata la terra di origine del sindacalismo, sia a livello mondiale le forze democratiche, scrittrici e scrittori e intellettuali hanno iniziato una campagna per la sicurezza, la salute e la libertà del Presidente Apo. Che gli USA abbiano preso una simile decisione in una fase nella quale il popolo curdo e le forze democratiche sono attive con la parola d’ordine ‚Rompiamo l’isolamento, abbattiamo il fascismo e liberiamo il Kurdistan‘ significa che si tratta di impedire un tale sviluppo.

Se si tiene conto del momento in cui cade questa dichiarazione degli USA, che non rappresenta altro che un attacco contro il nostro movimento di liberazione, degli sviluppi politici in tutto in Medio Oriente, del’influenza del Presidente Apo e il ruolo del PKK, diventa chiaro che questo atteggiamento è un complotto contro il movimento di liberazione e un infame attacco contro il popolo curdo. La lotta di liberazione del popolo curdo si è sviluppata ovunque e si è avvicinata in modo significativo all’obiettivo di una vita libera e democratica per i curdi. Questo complotto che si vuole mettere in atto contro il PKK, rappresenta un sostegno per le forze coloniali genocide che respingono la nostra lotta di liberazione e vogliono rendere permanente il loro dominio sui curdi.

Negli scorsi 40 anni il PKK ha avuto un’influenza decisiva sugli sviluppi in Kurdistan. Anche per l’esistenza delle forze politiche curde oppositrici del PKK e per la loro influenza politica, questa lotta lunga 40 anni ha un ruolo. In tutte le parti del Kurdistan è impossibile fare un’analisi degli sviluppi nazionali, politici o sociali, senza percepire il ruolo del PKK. Che l’ostilità nei confronti dei curdi rappresenti soprattutto inimicizia nei confronti del Presidente Apo e del PKK è espressione di questa realtà.

Il PKK ha opposto la massima resistenza contro questi attacchi

Negli anni passati la politica in Medio Oriente – e in tutto il mondo – si è occupata più di tutto degli attacchi dello Stato Islamico. Il PKK ha fermato il genocidio di una delle più antiche culture religiose dell’umanità, gli ezidi, sullo Şengal, e impartito alle forze politiche regionali, così come alle forze politiche internazionali, una lezione morale. I combattenti della guerriglia delle HPG delle YJA-Star hanno fermato l’attacco di IS davanti alle porte di Hewlêr. Coloro che hanno eliminato la minaccia da parte di IS per Kerkûk e Silêmanî, sono stati i peshmerga e di nuovo la guerriglia delle HPG e le YJA-Star. Nella resistenza di Kobanê, che è stata sostenuta dalla gente di tutto il mondo, al fianco delle YPG e YPJ hanno combattuto anche combattenti della guerriglia delle HPG e YJA-Star riportando molte vittime. Il PKK non ha combattuto solo contro IS, ha intrapreso passi molto importanti per creare nella concezione della nazione democratica un nuovo Medio Oriente, che si basa sulla fratellanza delle popolazioni arabe, curde, suryoye, armene, circasse, persiane e turche.

I e le combattenti delle YPG e YPJ, che dicono di sé di combattere secondo la linea del Presidente Apo, sono state ricevute nella sede governativa in Francia, rappresentanti della Rivoluzione del Rojava sono stati salutati nel Ministero degli Esteri USA. Questo è noto a livello mondiale. In questi anni Erdoğan e il governo dell’AKP e i loro rapporti con IS sono stati discussi nel modo più aperto. Ora gli USA, promettendo premi per informazioni per la cattura di responsabili di PKK, KCK e HPG, che hanno fatto grandi sacrifici nella lotta contro IS, sostengono Tayyip Erdoğan e l’AKP nella loro politica nemica dei curdi e della democrazia.

Il nostro popolo e le forze democratiche si devono mobilitare immediatamente

I popoli di tutto il mondo e le forze democratiche sanno che il Presidente Apo è un precursore per la libertà della donna e la libertà della società, che il PKK rappresenta l’avanguardia nella lotta per la libertà e le HPG come forza della guerriglia di uno dei popoli più antichi del mondo, il popolo curdo, ne conduce la lotta di liberazione. I motivi politici e ideologici degli USA, e anche le accuse più infondate, non possono distorcere questa realtà. E il governo degli Stati Uniti non può rendere credibili queste brutte accuse nei confronti del popolo dal quale traggono legittimità. Gli USA hanno preso questa decisione sulla base del loro vantaggio politico ed economico e si sono resi complici di forze genocide e coloniali. Mentre il nostro popolo e le forze democratiche si aspettavano dagli USA un’autocritica per la loro partecipazione al complotto del 1999 contro il Presidente Apo, l’assunzione di un simile atteggiamento sarà giudicato oggi dai popoli, e domani dalla storia.

È impensabile che il popolo curdo, i popoli del Medio Oriente e le forze democratiche del mondo tacciano di fronte a una decisione così infondata e immorale. Il fatto che oggi, quando viene chiesta la liberazione del Presidente Apo e la rimozione del PKK dalla lista UE delle organizzazioni terroristiche, viene mosso questo attacco contro i nostri compagni Duran Kalkan, Cemil Bayık e Murat Karayılan, certamente porterà a una presa di posizione e a una lotta delle forze democratiche. Contro questo attacco come parte del complotto contro il Presidente Apo, il nostro popolo e le forze democratiche devono mobilitarsi immediatamente. La posizione nei confronti di questo attacco deve unirsi alla lotta per la libertà del Presidente Apo e contro il complotto. In questo senso i curdi devono portare avanti la loro lotta i tutti i luoghi in cui si trovano insieme alle forze democratiche nel modo più ampio e diffuso. Deve essere espresso in modo molto chiaro che questo attacco contro i nostri compagni con l’obiettivo di annientare il movimento di liberazione curdo, non viene accettato e che si lotterà contro questo attacco che sostiene il genocidio dei curdi.“

Dichiarazione della KCK sulla ricerca internazionale di quadri dirigenti del PKK da parte degli USA

 

anfdeutsch.com/aktuelles/kck-fahndung-durch-usa-ist-teil-des-komplotts-7644


Inserisci un commento