Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 18 dicembre 2018

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Oltre 100 curdi hanno commesso suicidio in Iran, molti a causa della povertà

Oltre 100 curdi hanno commesso suicidio in Iran, molti a causa della povertà

6 ottobre 2018


Negli ultimi sei mesi oltre 100 curdi hanno posto fin alla loro vita, con il 40% dei casi di suicidio correlati alla disoccupazione e alla povertà estrema, lo ha riferito questa settimana un gruppo per i diritti umani. Hengaw, un gruppo che scrive sulle violazioni dei diritti umani contro i curdi iraniani ( Rojhilatis) ha riferito di casi di suicidio tra la minoranza curda e li ha inseriti in un rapporto di sei mesi rilasciato ad ottobre e poi in un rapporto per tutto l’anno pubblicato a marzo.

” Almeno 106 curdi della minoranza curda hanno posto fine alla loro vita nel Rojhilat, 56 dei quali erano donne e 50 uomini”, ha affermato il gruppo. Ci sono state più segnalazioni di overdose e di auto immolazione volontaria. Le questioni sociali sono uno dei fattori che hanno contribuito in alcuni casi.

Hengaw ha aggiunto che tra gli individui 29 erano maschi e 16 erano femmine che hanno commesso suicidio a a causa della povertà e della disoccupazione, aggiungendo fino al 42% dei casi registrati. Secondo i dati ufficiali, le province che sono maggiormente occupate dalle minoranze del paese, tra le quali i curdi, hanno il più alto tasso di disoccupazione.

Gli abitanti del posto hanno denunciato decenni di negligenza del governo, e e politiche parzialmente razziali che hanno impedito lo sviluppo delle infrastrutture e le opportunità di occupazione nelle città curde, lasciando la regione gravemente impoverita.

Il tasso di disoccupazione nel paese si osserva essere doppio nelle province curde, con una media nazionale del 12.4% nell’anno fiscale marzo 2016-17. o ha riferito nel 2017 Financial Tribune, un mezzo di informazione di stanza in Iran in inglese.

Basandosi su dati ufficiali del Centro di statistica d’Iran, il documento afferma: ” La provincia del Kermanshah ha archiviato il più alto tasso di disoccupazione del 22% tra tutte le province iraniane”. Il paese ha anche un uso continuo ed epidemico di droga con il governo incapace di, e la gente del posto che dichiara di “non vuole affrontare il problema”.

‘Iran è una tappa tra i maggiori percorsi di commercio di droga tra l’Afghanistan e l’Europa. Questo contribuisce a rendere più facile l’accesso e prezzi più bassi per gli abitanti del posto e ,nelle città più povere, donne e uomini allo tesso modo passano alla droga cercando una soluzione alla mancanza di speranza e alla depressione, con l’Ufficio del Ministero della salute dell’Iran che ha affermato che nel 2017 oltre il 23 % degli iraniani soffre i disagi mentali. compreso depressione ed ansia.

La crisi della droga e della disoccupazione sta avvenendo nel contesto delle continue spese generose di Teheran nelle attività militari interventiste nei paesi mediorientali e nelle sanzioni paralizzanti.

Nel 2018, l’economia già tesa dell’Iran è diminuita ancora di più quando gli Stati Uniti si sono ritirati da un accordo nucleare fondamentale, che aveva liberato le attività economiche del Paese del Golfo nella regione, e il conseguente ripristino delle sanzioni. Si prevede che un’altra serie di sanzioni entrerà in vigore a novembre, prendendo di mira il settore petrolifero e finanziario del paese.

K24


Inserisci un commento