Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 15 agosto 2018

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Oltre lo stato di emergenza nel Kurdistan del Nord

Oltre lo stato di emergenza nel Kurdistan del Nord

10 agosto 2018


Lo stato di emergenza è stato rimosso in Turchia, ma continua ed è più grave nel Kurdistan del nord. Il presidente di IHD di Van Murat Melet ha dichiarato che durante le recenti detenzioni e gli arresti a Van la torura e le violazioni dei diritti sono diventati più gravi.

Lo stato di emergenza (Ohal) è stato rimosso in Turchia, ma nelle città curde la pretiche dell’Ohal continuano senza sosta. Recentemente decine di persone sono state arrestate a Erciş ed in altri distretti sono stati malmenati, maltrattati e torturati.

L’AKP afferma di avere rimosso lo stato di emergenza, ma a Van ed in altre province della regione stanno attuando pratiche che superano le condizioni dell’Ohal.

Dopo aver rimosso l’Ohal, centinaia di altipiani, villaggi e zone rurali sono state dichiarate aree soggette a restrizioni.

Il presidente dell’Associazione dei diritti umani (IHD) di Van Murat Melet ha affermato che le violazioni dei diritti e la tortura, in particolare durante gli arresti, e le detenzioni sono aumentate significativamente.

Intensificazione dell’Ohal

Murat Melet ha dichiarato che lo stato di emergenza è stato rimosso in Turchia, ma le pratiche dell’Ohal continuano in Kurdistan: “ Il governo ha affermato che lo stato di emergenza non sarebbe stato prolungato e che è cessato in Turchia, Ma la realtà non è questa. Noi possiamo dire che lo stato di emergenza continua in Kurdistan ed è stato intensificato.

Torturati durante la detenzione

Murat Melet ha dichiarato che le pratiche che sono state avviate con lo stato di emergenza continuano: “sappiamo per certo che persone che sono state poste in detenzione durante recenti irruzioni nelle abitazioni sono state torturate.

La questione è stata resa pubblica, ma non è stata adottata nessuna precauzione e la pressione si è chiaramente intensificata. Praticamente tutte le zone abitate sono state sottoposte a restrizioni. C’è tolleranza zero per le persone che fanno uso dei loro diritti democratici attraverso eventi o manifestazioni.

Murat ha affermato che anche se lo stato di emergenza è basato su leggi e norme, adesso la responsabilità è soltanto dei governatori: “Non c’è una spiegazione giuridica per quello che sta succedendo. La pressione e la violenza che supera lo stato di emergenza continua.”

 

ANF

 

 

 


Inserisci un commento