Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 12 dicembre 2018

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Appello delle donne del Kurdistan contro l’invasione turca

Appello delle donne del Kurdistan contro l’invasione turca

23 giugno 2018


Le donne delle tre parti del Kurdistan hanno condannato l’invasione dello Stato turco del Bashur e hanno presentato una petizione al governo e al parlamento del Kurdistan. Le donne invitano tutti ad opporsi all’invasione. Rappresentanti delle organizzazioni delle donne e dei partiti politici del Kuristan Bashur ( Kurdistan del sud) del Rojava ( Kurdistan occidentale) e del Rojhilate (Kurdistan orientale), compreso un numero significativo di giornalisti e di scrittori, hanno tenuto una conferenza stampa nell’edificio dell’Unione delle donne di Sulaymaniyah. Le donne hanno evidenziato durante l’invasione dello Stato turco del territorio del Kurdistan meridionale.

Tutte le forze del Kurdistan dovrebbero opporsi

Kinêr Ebdulah ha letto la dichiarazione a nome delle donne e ha affermato che come donne del Rojhilat  e del Rojava condannano gli attacchi dello Stato turco contro la regione del Kurdistan e hanno fatto appello a tutte le forze del Kurdistan a prendere una posizione contro l’invasione. Kinêr Ebdulah ha dichiarato che come donne hanno presentato le loro richieste a riguardo degli attacchi dello Stato turco al parlamento e al governo regionale del Kurdistan.

Le donne hanno elencato le loro richieste come segue

1- Noi chiediamo che il Parlamento regionale del Kurdistan chiuda i confini della regione allo Stato turco e svolga una sessione di emergenza sugli attacchi d’invasione.

Chiediamo che vengano avviati sforzi per la Risoluzione n. 37 adottata dal Parlamento regionale del Kurdistan nel 2003 (che incarica il governo regionale di rimuovere i soldati turchi dai territori del Kurdistan Bashur) e che lo stato turco venga rimosso dalle terre del Kurdistan del sud.

3- Chiediamo che il governo iracheno cancelli gli accordi con lo Stato turco.

4- Che i diritti umani dei cittadini presi di mira dai bombardamenti e dagli attacchi e di tutti i cittadini vengano protetti.

ANF


Inserisci un commento