Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 23 maggio 2018

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Selahattin Demirtaş: Il candidato del popolo

Selahattin Demirtaş: Il candidato del popolo

5 maggio 2018


HDP ha confermato che l’ex-co-presidente in carcere si candiderà come presidente il 24 giugno. Venerdì il Partito democratico dei popoli (HDP) ha confermato che Selahattin Demirtaş sarà candidato alle elezioni presidenziali in programma il 24 giugno.L’ex co-presidente dell’HDP Demirtaş è in carcere dal 4 novembre 2016, accusato di diffondere propaganda per il PKK. È stato incarcerato insieme alla sua omologa, Figen Yüksekdağ e a molti altri parlamentari dell’HDP che erano stati privati della loro immunità.

Questa non è la prima volta che Demirtaş corre per la presidenza. Infatti, ha ottenuto il 9,77% dei voti nelle elezioni presidenziali del 2014, finendo al terzo posto e dimostrando che, nonostante tutti gli ostacoli, era possibile un’alternativa in Turchia.

Una vita per i curdi

Demirtaş è nato a Elazığ nel 1973. Ha studiato giurisprudenza all’università di Ankara e dopo la laurea ha lavorato come avvocato, prima di diventare membro del comitato esecutivo della sezione di Amed (Diyarbakır) dell’Associazione dei diritti umani (IHD). Quando il presidente di allora dell’IHD, Osman Baydemir, fu eletto sindaco di Amed, Demirtaş andò a sostituirlo.

Demirtaş è stato membro del Partito della società democratica (DTP) nel 2007 ed era uno dei cosiddetti “Mille candidati della speranza” in corsa per il DTP e altre organizzazioni democratiche. È stato eletto deputato per Diyarbakir e presto nominato presidente del gruppo parlamentare del partito.

Mandati in parlamento

Il DTP è stato chiuso per ordine della Corte suprema nel 2009 e decine di membri e dirigenti sono stati arrestati in quello che è diventato noto come il “processo KCK” (Unione delle comunità curde). I deputati del DTP si sono trasferiti nel partito BDP (Partito della pace e della democrazia) e quando il partito ha tenuto il suo primo congresso, nel 2010, Selahattin Demirtaş è stato eletto co-presidente insieme a Gültan Kışanak.

Nel 2011 Demirtaş ha partecipato alle elezioni parlamentari nella lista denominata “Lavoro, democrazia e libertà “, sostenuta dal BDP e da diverse altre organizzazioni politiche. È stato eletto deputato per Hakkari.

In corsa come presidente

Nel 2014, in seguito di una nuova iniziativa, l’HDP (Partito democratico dei popoli) ha puntato a consolidare la triennale coalizione triennale del BDP e degli altri partiti e organizzazioni politiche di sinistra, Demirtaş è ha corso come candidato alle elezioni presidenziali. Eletto co-presidente di HDP insieme a Figen Yüksekdağ, Selahattin Demirtaş ha partecipato alle prime elezioni politiche come candidato per il partito. L’HDP ha vinto con 13,12% dei voti e ed è giunto quarto assegnando al partito 80 dei 550 seggi in parlamento.

È stato un enorme successo per l’HDP. E in effetti un soddisfatto Demirtaş non poteva che dichiarare: “Da ora in poi l’HDP è il partito della Turchia. HDP è la Turchia, la Turchia è HDP “.

 

Detenzione e processo

Dopo il colpo di stato militare del 15 luglio 2016, il presidente Erdoğan ha chiuso ancor di più il cerchio attorno a HDP: migliaia di membri del partito, sindaci e consiglieri democratici eletti democraticamente, sono stati arrestati. Gli stessi co-presidenti di HDP sono stati arrestati il 4 novembre 2016. Il 18 gennaio 2017 il pubblico ministero turco ha annunciato che stava chiedendo una condanna a 142 anni di carcere per il co-presidente di HDP, accusato di “fare propaganda per un’organizzazione illegale”. Demirtaş, che da allora si è dimesso dalla carica di co-presidente di HDP, durante una delle sue udienze ha recentemente dichiarato che il processo contro di lui è chiaramente un processo politico. Mentre era in prigione, un libro dei suoi racconti è stato pubblicato e tradotto in diverse lingue.

Negli articoli che negli ultimi ha pubblicato, il candidato presidenziale ha scritto che le “elezioni del 24 giugno potrebbero essere decisive e influenzare la politica in Turchia per i prossimi dieci anni. O il regime autoritario di un uomo solo incarnato dalla mentalità dell’AKP dichiarerà la vittoria finale e raddoppierà le atrocità fatte fino a quel momento per trasformarsi in una dittatura completa, o continueremo a percorrere la strada che porta al rafforzamento della ricerca della democrazia come abbiamo fatto tutta la storia della Repubblica “.

Demirtaş ha anche sottolineato che HDP è l’unica alternativa praticabile e credibile all’alleanza fascista dell’AKP-MHP” e l’unica “vera proposta di sinistra”.

 

ANF


Inserisci un commento