Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 23 agosto 2017

Scroll to top

Top

Nessun commento

Iniziativa urgente: In centinaia a rischio di sgombero forzato

Iniziativa urgente: In centinaia a rischio di sgombero forzato

2 luglio 2017


Centinaia di residenti nel quartiere del distretto di Sur nella provincia di Diyarbakir, Turchia sudorientale, sono a rischio imminente di sgombero forzato. da oltre un mese , la loro acqua e la fornitura di elettricità sono state tagliate, in un tentativo apparente di costringerli ad andare via. Essi non sono stati adeguatamente consultati e compensati.

Centinaia di residenti nei quartieri di Alipaşa e Lalebey del distretto Sur nella provincia di Diyarbakır, nella Turchia sudorientale, sono all’imminente rischio di sfratti forzati. Dal 23 maggio, durante il mese di digiuno del Ramadan, le forniture di acqua e di elettricità alle abitazioni dei residenti sono state tagliate in un tentativo apparente di forzarli.Tra il dicembre 2015 e il marzo 2016, parti del distretto di Sur sono state sottoposte a coprifuoco nel contesto degli scontri tra il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e le forze di sicurezza statali.Decine di migliaia di residenti sono stati sfollati e molti non sono ancora stati in grado di tornare. I residenti di Alipaşa e Lalebey sono ritornati nelle loro case dopo essere stati sfollati fino a sei mesi

Nel marzo del 2016 è stato rilasciato un mandato d’acquisto obbligatorio riguardante tutti i quartieri di Sur, nell’ambito di un progetto di riqualificazione che interessa l’intero distretto.Gli abitanti hanno iniziato a ricevere avvisi di sfratto nel mese di dicembre, che hanno chiesto loro di lasciare le proprie case entro una settimana, ma la maggior parte dei residenti è rimasta.Gli avvocati e i residenti hanno dichiarato a Amnesty International che è stato comunicato verbalmente che le demolizioni avrebbero avuto inizio nell’aprile del 2017.Alla fine di aprile i residenti hanno riferito di annunci dagli altoparlanti ad alta voce dalle moschee che esigevano loro di evacuare le loro case entro sette giorni. Il 23 maggio le forniture di acqua e di elettricità sono state interrotte e sono iniziate le demolizioni parziali delle case già evacuate.

I residenti hanno riferito ad Amnesty International che non sono stati sinceramente consultati sul progetto , che non sono state offerti alloggiamenti adeguati o compensazioni per le loro perdite. Tutti i residenti hanno riportato profonda paura e ansietà di un futuro incerto, mentre esprimevano il loro desiderio di rimanere nei loro quartieri dove hanno una forte comunità e legami familiari, e dipendono dalla zona per i mezzi di sussistenza e l’educazione dei bambini.

Le autorità turche hanno il dovere di garantire che nessuno sia sfrattato con la forza dalle loro abitazioni e che lo sfratto sia attuato come ultima risorsa e nel pieno rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani.

1) Agire

Scrivi una lettera, invia una e-mail, una chiamata, un fax o un tweet:

* Invitando le autorità a fermare immediatamente tutti gli sfratti fino a quando non sia condotta una reale consultazione con i residenti interessati per individuare tutte le alternative possibili agli sgomberi e alle possibilità di reinsediamento e fino a quando non sarà fornito ad ogni persona interessata un’adeguata dimora alternativa conforme ai requisiti previsti dal diritto internazionale dei diritti umani;

*Chiamandoli per ripristinare immediatamente i rifornimenti idrici e elettrici ai residenti;

* Chiedendo loro di garantire che un adeguato indennizzo è offerto a tutti i residenti, tra cui gli inquilini che rappresentano il vero valore della loro perdita e il danno subito.

Contattare questi funzionari entro il 10 agosto 2017:

Ministro dell’ambiente e della pianificazione urbana

Mehmet Özhaseki
Çevre ve Şehircilik Bakanlığı

Vekaletler Cad. No:1 Bakanliklar / Ankara, Turkey

Fax: + 90 312 418 04 06

Email: mehmet.ceylan@csb.gov.tr

 

Ambasciatore Serdar Kiliç, Ambasciata della Repubblica di Turchia

2525 Massachusetts Ave. NW, Washington DC 20008

Phone: 1 202 612 6700 OR 202 612 6701

Fax: 1 202 612 6744

Email: embassy.washingtondc@mfa.gov.tr

Twitter: @TurkishEmbassy

Informazioni aggiuntive

Nel gennaio del 2016, un coprifuoco di 24 ore è stato imposto nel contesto di scontri armati sui due quartieri di Alipaşa e Lalebey, che durano una settimana.Quasi tutti i residenti che hanno lasciato le loro case durante il coprifuoco, sono per lo più ritornate dopo un periodo di uno a sei mesi. Nel marzo 2016, alla fine del coprifuoco in altre parti del distretto, le autorità hanno rilasciato un ordine di acquisto obbligatorio che ha interessato 16 quartieri, tra cui Alipaşa e Lalebey, avendo annunciato che gli edifici del distretto Sur sarebbero stati demoliti come parte di un progetto di riqualificazione urbana .

Decine di residenti hanno dichiarato ad Amnesty International che non erano stati consultati sui piani di riqualificazione, su qualsiasi alloggio alternativo o sui livelli di compensazione che avrebbero ricevuto. I proprietari di casa con titoli di proprietà sui loro beni riferivano che i soldi erano stati depositati nei loro conti bancari senza il loro consenso e che l’importo era del tutto insufficiente a compensare la perdita delle proprie case e dei beni. Gli inquilini e quelli senza atti di proprietà hanno riferito di non aver ricevuto nulla e non erano dotati di alloggi alternativi. Le notizie che hanno ricevuto nel mese di dicembre, di cui la maggior parte non ne era a conoscenza, hanno dato loro sette giorni per lasciare le loro case. Dopo che gli avvisi sono stati inviati ai residenti, le autorità hanno avvisato verbalmente che le demolizioni avrebbero avuto inizio dopo il referendum nell’aprile del 2017.

Il comitato ONU sui diritti economici, sociali e culturali ha sottolineato nel Commento generale 7 che gli sfratti possono essere svolti solo come ultima risorsa, una volta che tutte le altre alternative possibili per lo sfratto siano state esplorate in una reale consultazione con le persone colpite. Tutti i gruppi e le persone potenzialmente interessate, comprese le donne, le persone con disabilità, nonché altre persone che lavorano per conto dell’interessato, hanno diritto a informazioni, consultazione e partecipazione pertinenti in tutto il processo. Essi hanno anche il diritto di proporre alternative che le autorità debbano prendere in considerazione.

Anche quando uno sgombero è giustificato, può essere eseguito solo quando sono previste appropriate protezioni procedurali e se viene fornita una compensazione per tutte le perdite e un’adeguata dimora alternativa. Secondo il diritto internazionale, gli sfratti forzati e la demolizione delle abitazioni non devono essere utilizzati come misure punitive contro persone che non dispongono di residenza o di altro status. Gli Stati hanno l’obbligo di non limitare l’accesso ai servizi idrici come misura punitiva e la disgregazione arbitraria di tali servizi costituisce una violazione dei diritti umani.

I principi guida delle Nazioni Unite per lo spostamento forzato sono stati sviluppati dal Rappresentante speciale delle Nazioni Unite sulle persone sfollate internamente nel 1992 sulla base di norme esistenti nel diritto internazionale per affrontare le esigenze specifiche degli IDP. I Principi prevedono che le persone non debbano essere sottoposte a spostamenti arbitrari e che qualsiasi spostamento non debba superare le condizioni richieste (principio 6). Esse richiedono che le autorità assicurino che siano previsti alloggi per gli sfollati e che gli sfollati abbiano un adeguato livello di vita (principio 18). I Principi affermano che nessuno sarà arbitrariamente privato della proprietà e beni e che quelli che vengono lasciati sono protetti contro la distruzione, l’appropriazione arbitraria e illegale, l’occupazione o l’utilizzo (principio 21).

I Principi fondamentali delle Nazioni Unite e le linee guida per lo sviluppo delle distruzioni e dei trasferimenti (Principi fondamentali) prevedono che gli Stati effettuino valutazioni d’impatto prima dell’avvio di qualsiasi progetto che potrebbe provocare lo sfratto e lo spostamento. Le valutazioni d’impatto devono fornire informazioni sulla zona; Le persone interessate, incluse le informazioni relative al loro rapporto con la località (ad esempio le loro attività generatrici di reddito), i servizi pubblici nella zona ecc.

Amnesty International

 


Inserisci un commento

13 + otto =