Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Più di 100 parlamentari chiedono all’Unione Europea di rimuovere il PKK dalla lista antiterrorismo

Più di 100 parlamentari chiedono all’Unione Europea di rimuovere il PKK dalla lista antiterrorismo

16 febbraio 2016


Più di cento membri del parlamento europeo hanno avviato una raccolta firme per la rimozione del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan) dalla lista europea delle organizzazioni terroristiche.Due parlamentari che hanno avviato la campagna parteciperanno domani a mezzogiorno ad una conferenza stampa.

I deputati hanno sottolineato che la prospettiva di raggiungere una soluzione pacifica e democratica della questione curda in Turchia, è sottoposta ad una grave minaccia, in quanto la violenza sta aumentando e pone gravi rischi alla stabilità della Turchia e del Medio Oriente.”In Turchia siamo sempre più di fronte a uno scoppio di violenza che respinge l’idea di un processo di pace e indebolisce la lotta contro Daesh”.

L’appello sottolinea che: ” L’Unione Europea rappresentata dall’Alto rappresentante per la politica estera e la sicurezza,ma anche il Consiglio d’Europa,le Nazioni Unite e gli Stati Uniti hanno già chiesto la pace in Turchia.In questo contesto, è un fatto che la rimozione del PKK si pone sulla strada di stabilire la pace,il dialogo e i negoziati.La proscrizione del PKK facilita anche la violazione dei diritti umani,permette la restrizione della libertà di pensiero e di stampa”.

I curdi hanno un ruolo importante nella lotta politica in Medio Oriente,come dimostrato dalla resistenza di Kobani,e una soluzione pacifica della questione curda non è possibile senza trattative con il PKK, che sottolineiamo,l’ex primo ministro e l’attuale presidente Erdogan avevano accettato.Analogamente alla situazione nell’Irlanda settentrionale,una soluzione sarà raggiunta solo con il coinvolgimento di tutte le parti interessate.”

I parlamentari firmatari hanno invitato il Consiglio dell’Unione Europea a rivedere la lista e per rimuovere il PKK dalla lista delle organizzazioni terroristiche.

I firmatari sono:

VERGIAT Marie-Christine

GOMES Ana

VALERO Bodil

WEIDENHOLZER Josef

DEMESMEAKER Michael

KELAM Tunne

BILBAO BARANDICA Izaskun

CASTALDO Fabio Massimo

CARTHY Matt

ALBIOL GUZMAN Marina

AUKEN Margrete

BJORK Malin

ANDERSON Martina

BOYLAN Lynn

CHOUNTIS Nikolaos

BENIFEI Brando

CHRISTOFOROU Lefteris

BOVÉ José

CHRYSOGONOS Kostas

CORRAO Ignazio

COUSO PERMUY Javier

DE MASI Fabio

FERREIRA João

DURAND Pascal

FARIA Jose Inacio

ECK Stefan

KAILI Eva

LOPEZ BERMEJO Paloma

COFFERATI Sergio Gaetano

ERNST Cornelia

EVI Eleonora

MARAGALL Ernest

GRASWANDER-HAINZ Karoline

LÖSING Sabine

FORENZA Eleonora

BUCHNER Klaus

HÄNDEL Thomas

FREUND Eugen

GERICKE Arne

MAVRIDES Costas

GRAPINI Maria

DELLI Karima

THEOCHAROUS Eleni

JAAKONSAARI Liisa

HADJIGEORGIOU Takis

SEBASTIA Jordi

HAUTALA Heidi

JADOT Yannick

DE JONG Dennis

STAES Bart

MARINHO E PINTO António

JOLY Gro Eva

KARI Rina Ronja

KELLER Jan

MICHELS Martina

KONEČNÁ Kateřina

KYLLÖNEN Merja

LAMBERT Jean

LE HYARIC Patrick

LOCHBIHLER Barbara

LUNACEK Ulrike

MALTESE Curzio

JUARISTI ABAUNZ Iosu

MASTALKA Jiri

GONZALEZ PENAS Tania

KUNEVA Kostadinka

MATIAS Marisa

MÉLENCHON Jean-Luc

MINEUR Anne-Marie

REIMON Michel

PAPADIMOULIS Dimitrios

NI RIADA Liadh

PANZERI Pier Antonio

SANT Alfred

PEDICINI Piernicola

PIRINSKI Georgi

VALLINA DE LA NOVAL Angela Rosa

REGNER Evelyn

PAPADAKIS Demetris

SPINELLI Barbara

RIVASI Michèle

VIEGAS Miguel

SAKORAFA Sofia

SÁNCHEZ CALDENTEY María Dolores Lola

SCOTT CATO Molly

URTASUN Ernest

SERRÃO SANTOS Ricardo

SMITH Alyn

ZUBER Inês

SKRLEC Davor

VAJGL Ivo

ZIMMER Gabriele

TAYLOR Keith

SENRA RODRÍGUEZ Lidia

REVAULT d’ALLONNES BONNEFOY Christine

TERRICABRAS Josep-Maria

TORRES MARTINEZ Estefania

URBAN CRESPO Miguel

SYLIKIOTIS Neoklis

VANA Monika

SCHOLZ Helmut

ZDANOKA Tatjana

BRUSSELS – ANF


Inserisci un commento