Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 14 novembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Iran:curdi torturati,impiccati

Iran:curdi torturati,impiccati

26 febbraio 2015


La popolazione curda,una delle più grandi minoranze in Iran,è stata pesantemente bersagliata dalla Repubblica Islamica sin dalla sua nascita quando l’Ayatollah Khomeini ha notoriamente dichiarato una “fatwa”(decreto religioso)contro la provincia del Kurdistan e ha schiacciato le agitazioni avversarie inviando 110.000 truppe complete di artiglieria pesante,aerei e elicotteri da combattimento.

I combattimenti erano stati così acuti che i residenti erano stati costretti a fuggire sulle aspre montagne.Uomini curdi sono stati giustiziati a decine per volta.

Poichè il Kurdistan ha continuato la sua resistenza,il 17 Settembre 1992,tre importanti leader dell’opposizione della resistenza curdo iraniana-Sadegh Sharafkandi,Fattah Abdoli,Homayoun Ardalan-insieme al loro traduttore,Nouri Dehkordi,sono stati freddati da agenti del governo iraniano nel ristorante greco Mykonos a Berlino in Germania.

Dal 1988-al 1998 operativi della Repubblica Islamica hanno effettuato omicidi seriali di leader dell’opposizione e di intellettuali iraniani dissidenti,sia all’interno che all’esterno dell’Iran,più tardi denominati come”la catena di omicidi dell’Iran”.

Sin dalla rivoluzione iraniana nel 1979,le province curde sono state economicamente abbandonate dall’attuale governo dell’Iran,esclusione che ha dato origine a povertà dilagante.Inoltre, i diritti politici, sociali e culturali curdi sono duramente repressi dal regime attuale,causando all’interno del Kurdistan resistenza diffusa,compresi conflitti armati.In quanto tali,la maggior parte dei curdi, che simpatizzano o che hanno un adesione ai gruppi di opposizione curdi,vengono visti come possibili combattenti(armati)che cercano di rovesciare il regime della Repubblica Islamica.

Questa tendenza è visibile nella natura delle accuse e delle sentenze comminate a un gran numero di prigionieri politici curdi,che vengono torturati sistematicamente,a cui vengono date condanne a morte e lunghi periodi di detenzione.Anche se ci sono molti prigionieri curdi, il numero esatto non è noto.

I due casi seguenti sono i casi in cui le famiglie e le vittime hanno avuto il coraggio di contattare le organizzazioni per i diritti umani, un elemento di divulgazione vietato e punibile dalle autorità.

La signora Zainab Jalalian è stata arrestata nel luglio del 2007 nella provincia curda di Kermanshah con l’accusa di essere un membro di un gruppo curdo vietato di opposizione.Era stata inizialmente portata nel centro di detenzione del Ministero dell’Intelligence dove è stata torturata per 8 mesi.Come conseguenza Jalalian ha cominciato a soffrire di emorragie interne e intestinali.Due anni dopo il suo arresto,in un processo che è durato solo pochi minuti,senza rappresentanza legale,è stata accusata di”condurre una guerra contro dio”e,all’eta di 27 anni è stata condannata a morte.Nel 2010 è stata trasferita nel temuto reparto 209 del carcere di Evin a Teheran,una sezione ben nota per torturare i detenuti fino a quando confessano.Ci è stato detto che la sua condanna a morte sarebbe stata revocata se avesse accettato una confessione televisiva ammettendo il suo coinvolgimento”armato”contro il regime.Ha sopportato mantenendo la sua innocenza e ha rifiutato la loro richiesta.È stata trasferita nuovamente negli edifici di Kermanshah in attesa dell’esecuzione.

In una lettera poco dopo essere stata condannata a morte nel 2009, la signora Jalalian ha scritto quanto segue:

“… Sono attualmente malata a causa delle torture e non ho alcun avvocato per difendermi.Voglio dirvi che il mio processo è stato fatto solo in pochi minuti.Il giudice mi ha detto: ‘Tu sei un nemico di Dio. Devi essere impiccata molto presto.Questa è la sintesi di tutto il mio processo in tribunale.Ho chiesto al giudice di poter avere il permesso di dire soltanto addio a mia madre prima dell’esecuzione.Mi ha detto di ‘tacere’ e ha respinto la mia richiesta. “-novembre 2009, lettera ottenuta tramite ICAE

Il Comitato dei giornalisti per i diritti dell’uomo(CHRR) in Iran ha realizzato una relazione nel 2011 intervistando gli ex compagni di cella della signora Jalialian.La relazione afferma che la signora Jalalian è passata attraverso guardie di sesso maschile come una palla da calcio mentre era legata,bendata e picchiata.Nei primi tre mesi della sua detenzione,ha sofferto cosi gravi ferite alla testa dai suoi interroganti,in un atto raro e insolito,che sono stati costretti a trasferirla in un ospedale fuori dal carcere.La relazione rivela inoltre che è stata anche frustata sulle piante dei piedi fino a quando non è svenuta.E ‘stata anche minacciata di stupro dal suo interrogatore;aveva protestato,e venne poi colpita alla testa con una sbarra di ferro,che fratturato il cranio,facendola sanguinare abbondantemente.

Si ritiene che fosse questo colpo, insieme a molti altri ripetuti colpi alla testa,che ha interessato la sua vista;gli è stata costantemente negata l’assistenza medica per le sue ferite, nonostante i molti scioperi della fame. È diventata cieca in entrambi gli occhi.

Tra il 2009 e il 2010, la signora Jalalian è stato oggetto di una campagna internazionale contro la sua esecuzione.Come diretta conseguenza,la sua condanna a morte è stata commutata in ergastolo.Le autorità stanno deliberatamente evitando di il trasferimento in un ospedale della città per un trattamento adeguato.Non le sono state date disposizioni per la sua cecità.I suoi disturbi sono il risultato diretto della tortura durante la detenzione.

Il signor Mansur Arvand è un prigioniero politico curdo che è stato arrestato nel giugno del 2011 e condannato a morte nel luglio 2012 con l’accusa di”condurre una guerra contro Dio”per essere un presunto membro di un partito curdo di opposizione.

In un’intervista con l’agenzia stampa HRANA nel 2003,il fratello di Mansur[Ismail]ha affermato che la maggior parte delle unghie dei piedi di Mansur sono state tirate fuori durante gli interrogatori e i suoi denti gravemente danneggiati.

Ha sottolineato che Mansur soffre di infezioni renali che sono apparse solo dopo il suo arresto,dopo la tortura,e che le autorità ignorano i seri bisogni medici di suo fratello.I e sullo stomacon un altra intervista con la CFPPI alla fine del 2013,Ismail ha affermato che suo fratello è stato frustato 70-80 volte sulla schiena e sullo stomaco e che le sedute di tortura sono durate 7-8 ore.Ha inoltre aggiunto che le autorità avevano istallato strumenti per il rumore allo scopo di impedirgli di dormire.

Mansur Arvand è detenuto nel carcere centrale di Orumieyeh nella provincia occidentale dell’Iran dell’.Non Azerbaijan non solo lui è in imminente pericolo di essere giustiziato in ogni momento;le autorità e autorità stanno rifiutando le cure mediche mentre continuano a torturarlo.Finora,le organizzazioni per i diritti umani non sono state in grado di ribaltare la condanna a morte del signor Arvand.

Due importanti prigionieri politici curdi,Habibollah Golparipour (arrestato nel 2007) e Mr. Shirko Moarefi (arrestato nel 2008) sono stati impiccati rispettivamente il 26 ottobre e il 4 novembre 2013.Secondo molte organizzazioni per i diritti umani internazionali e vari mezzi di comunicazione;vi è stato un aumento del tasso di esecuzioni dopo l’elezione del presidente Rouhani.198 persone sono state impiccate solo nel 2014 – in un periodo di soli due mesi e mezzo.

Purtroppo, le grottesche violazioni dei diritti umani dell’Iran,l’aumento delle esecuzioni o il destino di tre americani-Amir Hekmati,Pastor Saeed Abedini e Robert Levinson-detenuti come prigionieri politici in Iran,non sono stati neppure discussi durante le trattative storiche tra gli Stati Uniti e l’Iran alla fine del 2013.

Fonte: Gatestone Institute


Inserisci un commento