Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 novembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Le donne iraniane hanno bisogno di una forza di difesa come la HPJ

Le donne iraniane hanno bisogno di una forza di difesa come la HPJ

4 gennaio 2015


Axin Maku, membro del consiglio militare della Forza di difesa delle donne del Kurdistan orientale(HPJ) ha affermato: “Per noi donne non vi è alcuna differenza tra la Repubblica islamica dell’Iran e ISIS. Entrambi sono nutriti da animosità contro le donne e da una cultura della violenza.”Come forza di difesa delle donne del Kurdistan orientale intensificheremo la lotta contro questo.

Axin Maku ha risposto alle domande di ANF, dichiarando che l’allargamento della HPJ in Iran e nel Kurdistan orientale significherebbe una battuta d’arresto per l’esecuzione di donne, e la fine della cultura della violenza, della prostituzione e  della riduzione in schiavitù.

Quando fu fondata la HPJ?

Prima della HPJ eravamo organizzati come HJRK. In precedenza eravamo nell’HRK la quale è stata fondata nel 2004. Nel 2010 abbiamo organizzato autonomamente noi stesse come HJRK, ma nella primavera del 2014 abbiamo dichiarato la fondazione della HPJ.

Quali argomenti avete affrontato nella vostra conferenza?

La nostra conferenza ha discusso del tema delle donne in Iran e nel Kurdistan orientale. Abbiamo discusso concretamente di come le donne possano difendersi. Abbiamo valutato il dispiegamento delle nostre forze nelle montagne del Kurdistan orientale e ci stiamo preparando per la difesa attiva.

Potresti approfondire?

Anche se siamo presenti in molte aree abbiamo bisogno di allargare le nostre forze. Tuttavia, in un paese come l’Iran, per quanto ci sviluppiamo saremo ancora piccoli. Potremmo istituire una forza di difesa comune con le donne iraniane,in quanto le donne iraniane hanno bisogno di una forza di difesa come le HPJ. Il nostro secondo obiettivo è quello di portare le donne iraniane nella nostra lotta. L’allargamento della HPJ in Iran e Kurdistan orientale significherebbe una battuta d’arresto per l’esecuzione di donne, e la fine della cultura della violenza, della prostituzione e della riduzione in schiavitù.

È possibile una forza di difesa delle donne comune?

Certo. Prima di tutto dobbiamo abbattere la mentalità maschilista, che dice le donne sono fragili e che la lotta è contraria alla loro natura. Le HPJ non possono crescere senza abbattere questa percezione. La resistenza delle YPJ a Kobane e delle forze delle YJA-Star a Sinjar ha profondamente colpito anche le donne iraniane ,e ha minato questa percezione. Per esempio, quando a una donna in Iran è stato gettato l’acido in faccia aveva detto: “Che le donne di Kobanê  vengano a difenderci” Non solo le donne curde, ma  anche le donne iraniane e afghane sono state influenzato dalla resistenza curda.

Nel Kurdistan orientale c’è una forza di difesa delle donne a parte le HPJ?

Le donne hanno partecipato alla lotta nazionale nel Kurdistan orientale come combattenti peshmerga, ma non hanno mai avuto una organizzazione autonoma. Al momento non ci sono donne peshmerga attive.Nel Kurdistan orientale e in Iran l’HPJ è la prima forza di difesa autonoma delle donne.

Chi si unisce alle HPJ?

Donne di tutte le età si stanno unendo, anche le donne sposate.Non si condannano ad una vita a casa con la famiglia come in passato. Credo che le donne sposate sono alla ricerca della libertà in quanto subiscono l’oppressione all’interno della famiglia maschilista. Le donne ora sanno che da qualche parte possono andare quando si sentono soffocate. Abbiamo creato la speranza tra le donne curde. In passato, quando erano vittime di violenza si sarebbero autolese,ma ora vediamo che stanno sulle montagne. Le donne ci vedono come una fonte di speranza e come una soluzione.

ANF ​​/ Beritan ZAGROS – BEHDINAN


Inserisci un commento