Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 novembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Un commento

La storia di Kobane

La storia di Kobane

30 novembre 2014


Sulla mappa del mondo, Kobane cade a nord della Siria, al confine con la Turchia.Secondo i curdi, tuttavia, è a occidente del Kurdistan, o Rojava in curdo …

C’è una linea ferroviaria a destra della città.La linea determina il confine tra Siria e Turchia.La divisione della terra natìa a Losanna nel 1923 non ha solo assicurato una perdita politica per i curdi,ma ha anche aperto la strada a molte tragedie umanitarie.Da Kobane a Qamishlo,molte famiglie sono state divise in due.Un fratello è rimasto da una parte del binario del treno,l’altro è caduto dall’altro lato.Per decenni,questi parenti hanno attraversato in segreto e illegalmente il confine minato per visitare l’un altro.L’esercito turco e siriano hanno ucciso decine,se non migliaia,di persone su questo confine….

I curdi di turchia hanno sempre utilizzato questo confine ogni volta che hanno corso dei guai con i regimi turchi.La popolazione di Kobane li ha sempre accolti e prottetti.Il viaggio più importante tra questi confini nella storia recente è stato quello di Abdullah Ocalan.Poco tempo dopo l’inaugurazione del PKK (27 novembre 1978) Ocalan segretamente attraversato il confine in Kobane dal Suruc il 2 Luglio, 1979.

Poco tempo dopo la fondazione del PKK (27 Novebre 1978) Ocalan ha attraversato segretamente il confine da Suruc a Kobane il 2 Luglio 1979.Ocalan era accompagnato da Ethem Akcan di Kobane. Ocalan si nascose in Kobane per 43 giorni.Aveva cambiato casa in cui stava in  diverse occasioni.E da lì, attraverso i contatti stabiliti con gli abitanti di Kobane,Ocalan è andato nella valle della Bekaa via Homs, Hama e Beirut.Rimase in Siria per 20 anni.I suoi legami con Kobane sono sempre rimasti.

Nel corso dei 20 anni, almeno 3.000 persone provenienti da Kobane si sono unite ai guerriglieri del PKK per combattere in diverse parti del Kurdistan.Considerando il fatto chea quel tempo la popolazione di Kobane era soltanto di 30.000,questo è un fenomeno sociologico significativo.Grazie a questa caratteristica,Kobane è sempre stata un’obbiettivo del regime di Assad.Ma i curdi si stavano sempre organizzando segretamente.Nel Marzo 2011,quando il caos iniziò in Siria,i curdi a Kobane erano pronti ad assumere l’iniziativa.Si erano organizzati autonomamente.

Il PYD costituito nel 2003 è il più accattivante.Ma c’erano,e ci sono ancora,diversi movimenti/organizzazioni allineati con il PKK.La dinamica principale è delle donne e delle organizzazioni giovanili.Di conseguenza, il 19 Luglio 2012, gli abitanti di Kobane hanno spodestato le forze del regime e hanno preso il controllo dell’amministrazione.I curdi chiamano questa mossa la rivoluzione del Rojava.Successivamente, la stessa mossa si è verificata nelle altre città, paesi e villaggi.10 giorni dopo questi sviluppi,ho intervistato un comandante delle YPG sulla collina di Mishtenur e mi ha detto “libereremo ogni pollice del Rojava.Proteggeremo la nostra gente della regione dal regime e dalla cosidetta oppisizione che consiste di gruppi sciovinisti e islamisti radicali”.

Questa era la prima intervista con le YPG,e non molte persone avevano sentito parlare di loro.L’annuncio della costituzione delle YPG è stato fatto a Kobane.Avevo scoperto a quel tempo che i preparativi per costituzione delle YPG venivano condotti in segreto.

A causa del fatto che Kobane aveva dato il via alla rivoluzione del Rojava è sempre stata un bersaglio.Il primo attacco è iniziato nel Marzo del 2013.Ogni attacco era stato respinto.Avevano sempre pensato che siccome Kobane era la città più piccola delle enclavi del Rojava,poteva essere facilmente sconfitta.L’intento era quello di far cadere Kobane al fine di tagliare completamente ogni collegamento tra il cantone piu orientale di Cizre e il cantone più occidentale di Afrin;attraverso la creazione di una supremazia militare a Kobane pensavano di poter sopprimere militarmente i curdi;e,assumendo il controllo di Kobane volevano un collegamento diretto tra Jarablue e Tel Abyad.

Questo è il piano che la Turchia ha cercato di realizzare a Serekaniye dal 2012.Volevano oltrepassare Serekanye allo scopo di prendere Cizre.Se questo fosse successo,Il Rojava si sarebbe trasformato in un bagno di sangue e i cantoni del Rojava sarebbero stati solo un sogno.

Tuttavia,le condizioni sono state diverse a quel tempo ed i piani sono stati rovesciati.ISIS e le forze da loro dirette,volevano utilizzare lo slancio ottenuto in Iraq al fine di circondare il Rojava,soffocare la lotta curda o almeno impedirne l’istituzionalizzazione.Ma allo stesso tempo demoralizzando i curdi nel Rojava,volevano indebolire il movimento curdo nel Kurdistan del Nord.Naturalmente non si può spiegare questo argomento solo con ISIS. I curdi credono che questo piano tattico è in corso di elaborazione nelle stanze buie di Ankara.

Ma questo è possibile?

La resistenza di Kobane ci ha mostrato che questo non è possibile.La resistenza di Kobane ha mostrato che lo stato turco rimane ostile al popolo curdo.Kobane non è caduta come Erdogan aveva dichiarato;piuttosto è la maschera dello stato turco che è caduta.Ogni curdo che puoi incontrare per strada ti dirà questo.In realtà, questo è il grido principale delle centinaia di migliaia di persone che costantemente protestano in tutto il mondo.La resistenza di Kobane ha aperto la via per una nuova era nelle relazioni turco-curde.Lo stato turco voleva la caduta di Kobane allo scopo di infliggere un colpo fatale ai curdi.Ma i curdi hanno rovesciato questo piano.

Gli sviluppi a Kobane hanno portato lo stato turco a continuare il dialogo con Abdullah Ocalan a Imrali.In altre parole,non possiamo dire che lo stato turco ha perso la speranza nella caduta di Kobane.Attualmente lo stato può avviare i negoziati con i curdi per ottenere una soluzione politica,o può continuare a proseguire con il suo antagonismo verso i curdi.Alcuni curdi credono che l’AKP lancerà una guerra globale contro i curdi dopo le elezioni politiche che si terranno nel 2015.Entrambe le possibilità sembrano egualmente credibili.

La resistenza di Kobane ha anche portato ad una rinnovata sinergia politica e spirituale tra i curdi.Se tutto va bene, il Congresso Nazionale Curdo si riunirà ad Erbil nei primi mesi del 2015.Tuttavia, i contributi di Iran e Turchia saranno importanti per questo.Questo perché quello che l’Iran e la Turchia pensano è molto importante per alcuni curdi.Se la Turchia decide di continuare il processo di pace con il PKK non eserciterà pressione su Barzani nel ritardare il congresso nazionale.Tuttavia l’Iran non è contento con i curdi che godono dello status in Siria attraverso i cantoni del Rojava.

Se il congresso nazionale si riunisce e riconosce i Cantoni Rojava,l’Iran e e in qualche misura la Turchia saranno entrambi dispiaciute.Anche il regime siriano sarà veramente afflitto da questo,ma attualmente non sono molti in giro che si preoccupano di quello che pensa…..
I risultati della resistenza di Kobane,in primo luogo, avranno un’impatto sul futuro della Siria.Questo perché se ISIS viene sconfitto a Kobane,sarà sconfitto a Raqqa, Tel Abyad e Jarablus.I curdi sono pronti a combattere sul campo contro ISIS con il supporto logistico della coalizione.ISIS rappresenta la più grande minaccia per le comunità in Siria.La sconfitta di ISIS porterà ad una migliore diagnosi dei mali in Siria.

Questo quindi condurrà a una modifica del regime despota. Il cammino verso la liberazione di tutte le comunità verrà aperto.Tuttavia, non ci si può aspettare che ciò accada in tempi brevi.

Kobane è ancora una zona di guerra. Mentre ISIS è di stanza nelle nelle città circostanti, Kobane sarà sempre un obiettivo. Possiamo aspettarci che questo si trascinerà fino al prossimo anno.

 

di Amed Dicle

 


Comments

  1. grazie per le spiegazioni

Inserisci un commento