Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 24 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Il FPLP chiede un fronte rivoluzionario unito in solidarietà con la lotta del popolo di Kobane contro l’ISIS

Il FPLP chiede un fronte rivoluzionario unito in solidarietà con la lotta del popolo di Kobane contro l’ISIS

14 ottobre 2014


Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina esprime la sua solidarietà con la resistenza curda in Kobane in lotta per difendere la loro comunità dal gruppo armato reazionario ISIS, la cui entrata nella nostra regione è stata facilitata e supportata dalle potenze imperialiste e dai loro servi.

Il compagno Khaled Barakat ha dichiarato che “tutte le forze rivoluzionarie palestinesi e arabe dovrebbero unire i loro sforzi per sostenere la lotta della resistenza curda in Kobane contro l’ISIS ed i loro sostenitori imperialisti”. Molte persone in Siria, Iraq e ovunque nella regione sono state sotto attacco da parte dell’imperialismo – che non arriva solo attraverso le incursioni aeree o di terra ma anche attraverso il supporto delle potenze reazionarie regionali che implementano politiche settarie e attraverso gruppi armati reazionari in supporto di un programma di caos generalizzato.

Essi hanno cercato di sostituire il conflitto centrale nella regione: quella delle popolazioni contro il sionismo e l’imperialismo, con il settarismo e l’imposizione di una massiccia violenza reazionaria contro i gruppi minoritari, che sono parte integrante della regione, mentre gli stessi gruppi armati reazionari non si occupano di combattere né lo stato sionista né le forze imperialiste lasciandole intatte.

Questi attacchi hanno avuto luogo in contemporanea con l’ultimo assalto genocida sionista contro il popolo palestinese di Gaza. “Noi siamo con il popolo della Siria che difende la loro unità contro ogni tentativo di partizionare il paese e saccheggiare le sue risorse a beneficio dell’imperialismo. Questo è l’obiettivo di ISIS e dei suoi alleati”, ha detto Barakat.

“Oggi, i combattenti curdi, donne e uomini, lottano per la loro libertà e la loro vita contro questi gruppi reazionari, la cui presenza nella regione è stata arredata, armato e sostenuto dall’imperialismo e dai suoi alleati e agenti nella regione. Non è un caso e non mero simbolismo che ISIS sta attaccando Kobane oggi con gli Stati Uniti armi “, ha detto Barakat. “In particolare, il ruolo delle donne combattenti della resistenza curda a tutti i livelli di lotta e di leadership presentare un esempio eroico di sacrificio.”

“Si deve inoltre rilevare che il ruolo dello Stato turco e di governo, uno dei maggiori partner commerciali di Israele e una chiave alleato militare degli Stati Uniti, è stato quello di favorire l’ingresso di questi gruppi armati reazionari (ISIS e altri) ora attacca Kobane in Siria. Allo stesso tempo, negli ultimi giorni, decine di manifestanti curdi sono stati uccisi dalla forza armata dello Stato turco.

La cosiddetta ‘zona di sicurezza’ essere spinto dalla Francia e Turchia, e gli attacchi aerei degli Stati Uniti e dei suoi alleati, non sono altro che una copertura per l’ingresso dell’imperialismo nella regione. L’unica vera sicurezza può essere stabilita da lotta popolare e di resistenza, non eserciti imperialisti e forze aeree “, ha sottolineato Barakat.

Per molti anni, i combattenti palestinesi in cerca di libertà hanno lottato nella stessa trincea come i combattenti curdi. “C’è una lunga storia di sostegno tra i rivoluzionari palestinesi e i combattenti per la libertà curdi. Condividiamo un nemico comune: l’imperialismo. E anche noi condividiamo il nemico comune dei gruppi reazionari settari armati come ISIS, risultato dell’imperialismo, delle sue occupazioni e delle sue logiche di egemonia sulla regione. Regimi arabi reazionari, in particolare l’Arabia Saudita e il Qatar, hanno svolto un ruolo importante nell’incoraggiare, armare e diffondere questa minaccia per la gente della regione”, ha aggiunto il compagno Barakat.

“Nessuna soluzione per la nostra causa e nessuna assistenza per la nostra gente arriverà mai dagli eserciti imperialisti o dagli attacchi aerei imperialisti nella regione. Queste forze hanno portato solo il terrore, il settarismo, la reazione e la morte… ovunque vadano. È la lotta dei nostri popoli uniti che può confrontarsi e raggiungere la vittoria sull’imperialismo, sul sionismo e sulle forze reazionarie, vere fonti di terrore nella regione, che cercano di mantenere la loro egemonia saccheggiando le risorse del nostro popolo”, ha concluso Barakat.

– See more at: http://www.palestinarossa.it/?q=it%2Fcontent%2Fstory%2Fil-fplp-chiede-un-fronte-rivoluzionario-unito-solidariet%C3%A0-con-la-lotta-del-popolo-di-k#sthash.rzCOSSnV.dpuf


Inserisci un commento