Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 24 maggio 2017

Scroll to top

Top

Nessun commento

Per il sostegno alla popolazione e agli sfollati del ROJAVA, in Siria

Per il sostegno alla popolazione e agli sfollati del ROJAVA,  in Siria

20 giugno 2013


Oggi ricorre la GIORNATA MONDIALE DEI RIFUGIATI. In quanto kurdi, siamo consapevoli dell’importanza di questa giornata, per ricordare le difficoltà che sono costretti ad affrontare coloro che hanno dovuto lasciare il proprio Paese, ma anche tutte le iniziative di assistenza a queste persone.

Nel richiamare la ricorrenza, intendiamo far presenti anche le difficoltà che incontrano in molti Paesi, in special modo in caso di conflitto, gli sfollati interni. L’esempio attuale più significativo è quello dei siriani colpiti dalle conseguenze della guerra. Frequenti sono le indicazioni delle difficoltà e le invocazioni di aiuto che provengono dal territorio siriano.

Bombardamenti e scontri fanno crescere il numero dei feriti, la temperatura torrida contribuisce inoltre a far aumentare le malattie. A ciò si aggiungono le difficoltà da affrontare nella vita quotidiana – ad esempio per procurare il latte per i bambini – in una città siriana diversa da quella di origine. D’altronde gli sfollati, pur affrontando condizioni assai difficili, non vogliono lasciare il proprio Paese.

UIKI richiama l’attenzione soprattutto sulle condizioni critiche in due città siriane popolate da kurdi, Afrin e Kobani, nel Kurdistan occidentale (Rojava).

Vi sono stati attacchi armati nell’area: per esempio, ad Aleppo. Conseguentemente, vi è stata la migrazione della popolazione kurda di Aleppo verso Afrin e Kobani: la popolazione di Afrin recentemente è raddoppiata, proprio a causa dell’enorme afflusso di profughi. Ad Afrin vi è il problema di un blocco totale, che impedisce l’invio di rifornimenti alla popolazione dell’area.  Pertanto si determinano gravi carenze nell’afflusso di basilari prodotti alimentari, mettendo così a rischio soprattutto la vita e la salute di donne e bambini.

Sollecitiamo a mobilitarsi per la popolazione del Kurdistan occidentale. Ogni aiuto economico, anche minimo, consentirà di organizzare la fornitura di generi di prima necessità alla popolazione.

 
Siamo in contatto con l’associazione Heyva Sor (Croce Rossa) di Afrin, che ha richiesto il sostegno soprattutto per l’assistenza medica e alimentare. Provvederemo a inviare a Heyva Sor tutti i contributi che raccoglieremo.

 

 

Riferimento IBAN:
 
IT 89 Z 02008 05005 000102651599
 
C/o Unicredit, filiale di Roma Merulana,
 
Intestato a Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia Onlus.
 
Nella causale del versamento indicare: ROJAVA

 

 

UIKI ONLUS
Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia
 
Via Ricasoli 16
00185 Roma, Italia
 
Tel:         +39 06 64 87 11 76
Web:     http://www.uikionlus.com
Email:    info@uikionlus.com
Facebook:    https://www.facebook.com/UIKIOnlus
Twitter:        https://twitter.com/UIKIOnlus/

Google +:     https://plus.google.com/102888820591798560472/

 


Inserisci un commento

uno × cinque =

Accetto
Navigando in questo sito accetti l'uso di Cookies e altri sistemi funzionali al funzionamento del sito web.Puoi negare il consenso tramite le impostazioni del tuo browser -Maggiori info