Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 26 aprile 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Demirtaş: il Governo dovrebbe smettere di parlare di provocazione ai funerali

Demirtaş: il Governo dovrebbe smettere di parlare di provocazione ai funerali

16 gennaio 2013


16 Gennaio 2013

Parlando alla stampa oggi presso il Centro Culturale Giovanile Cegerxwin, il co-presidente del Partito della Pace e della Democrazia (BDP) Selahattin Demirtaş ha reagito con forza contro gli avvertimenti di “provocazione”, effettuati dagli ufficiali governativi prima delle cerimonie funebri delle tre donne kurde uccise a Parigi il 9 Gennaio. “Le provocazioni sono sempre giunte da parte delle forze oscure e da parte del Governo finora, non dalla popolazione”, ha sottolineato Demirtaş, invitando ad un´ampia partecipazione alla cerimonia funebre delle tre donne, che si terrà domani nella principale città kurda Diyarbakır.

“Le cerimonie funebri dovrebbero condurre ad una provocazione e sono comparate a ció che è successo ad Habur [quando i gruppi per la pace venuti da Kandil furono salutati da migliaia di persone nel momento in cui entravano in Turchia], ad ogni modo, non descriviamo ció che è accaduto ad Habur come una provocazione, poiché è stato qualcosa che le apposite autorità non sono riuscite a pianificare in modo appropriato, non preparando la società turca riguardo a ció. Quello che chiamano provocazione non è niente di più che la gioia della popolazione di dare il bentornato nel suo paese a persone che sono state costrette a viverne al di fuori”, ha detto il co-presidente del BDP.

Ha aggiunto che il Governo dovrebbe prendere misure per prevenire potenziali provocazioni durante i funerali. “Il popolo kurdo parteciperà a queste cerimonie per mostrare il suo affetto verso le tre donne kurde brutalmente assassinate a Parigi la scorsa settimana. La popolazione è inoltre arrabbiata e perció protesterà contro gli omicidi durante le esequie. Le autorità dovrebbero considerare giusto e ragionevole per le persone esprimere i propri sentimenti. Non vi è alcuna necessità di preoccuparsi inutilmente poiché non verranno creati problemi da parte nostra”.
Demirtaş ha descritto Sakine Cansız, Fidan Doğan e Leyla Şaylemez come rappresentanti politiche che hanno lavorato per la pace e la libertà ed ha aggiunto: “Esprimere solidarietà per queste tre donne significa esprimere solidarietà con il processo di colloqui in corso in questo momento. La popolazione condannerà gli omicidi, che sono in realtà un attacco contro il sig. Öcalan, e mostrerà di sostenere il processo di Imralı protestando contro queste esecuzioni. Lo stato non puó risolvere la questione kurda decidendo in che modo i Kurdi dovrebbero vivere il loro dolore e la loro gioia. Quest´approccio è totalmente sbagliato”.

ANF / DIYARBAKIR/AMED
ANF NEWS AGENCY