Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 agosto 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Gli artisti di TEV-ÇAND chiedono la libertà di Öcalan

Gli artisti di TEV-ÇAND chiedono la libertà di Öcalan

9 gennaio 2013


9 gennaio 2013
Gli artisti di TEV-ÇAND stanno effettuando il loro turno all´interno della Veglia Libertà per Öcalan, che si svolge di fronte all´edificio del Consiglio Europeo nella città francese di Strasburgo. La Veglia è cominciata il 25 Giugno 2012 dopo la Lunga Marcia invernale Ginevra-Strasburgo e lo sciopero della fame di 52 giorni dello scorso Marzo: è intrapresa da nuovi gruppi ogni settimana.
Gli organizzatori, gli attivisti dell´Iniziativa Libertà per Öcalan e le persone che hanno partecipato alla Marcia chiedono al Consiglio Europeo, al Parlamento Europeo ai paesi dell´Unione Europea ed ai paesi occidentali come gli Stati Uniti di “cessare il loro sostegno politico, militare ed economico alla Turchia” e vogliono la libertà del leader kurdo Abdullah Öcalan ed il riconoscimento dello status del popolo kurdo in tutte le aree del Kurdistan.

Un membro di TEV-ÇAND, il cantante poeta Seyîdxan, ha descritto gli artisti kurdi come operai del Movimento di Liberazione Kurdo ed ha sottolineato: “Il posto dell´artista è dove sta il popolo. I cuori del nostro popolo stanno battendo per Imralı in questo momento, ed è verso quel luogo che ci siamo rivolti, per quel luogo battono anche i nostri cuori”.

“La nostra arte scaturisce dai valori della rivoluzione, quei valori di cui dobbiamo essere degni. Ecco perché stiamo partecipando alla Veglia. Sappiamo e crediamo che il leader del popolo kurdo Öcalan è un valore e come tale deve essere protetto. Anche noi artisti  dovremmo svolgere un ruolo in questo processo critico”, ha affermato Seyîdxan, invitando le autorità turche a garantire la libertà di Öcalan in modo che i colloqui in corso giungano ad una soluzione.

Seyîdxan ha concluso invitando il popolo kurdo in Europa a partecipare attivamente alla Veglia ed a raccogliere le firme per la petizione in favore della libertà di Öcalan.

ANF / STRASBURGO
ANF NEWS AGENCY